ATTRAZIONE NATURALISTICA, ATTRAZIONE TURISTICA, EUROPA, ITALIA, MARE, MARE ITALIA, MARE SUD ITALIA, MARE TIRRENO, REGIONE PUGLIA, REGIONE SUD ITALIA, SNORKELING, SPIAGGIA, SPIAGGIA EUROPA, SPIAGGIA PUGLIA, SPIAGGIA SALENTO, SPIAGGIA SUD ITALIA

ITALIA – REGIONE PUGLIA – SALENTO – PORTO CESAREO: L’ISOLA DEI CONIGLI – A.D.V.

DOVE SI TROVA. Isola si trova proprio difronte alla nota località balneare di  Porto Cesareo, a circa un centinaio di metri dalla costa. Di seguito la mappa interattiva di GOOGLE MAPS che vi consentirà di raggiungere questa meta utilizzando il vostro dispositivo come un navigatore GPS ovunque vi troviate. Per calcolare il percorso cliccate sulla freccia blu sulla mappa. Ricordate che nell’angolo sinistro in basso è presente la versione
“Earth”
della mappa.

 

IL PERIODO MIGLIORE. L’isola può essere essere visita durante tutto l’anno. Per godersi il mare il periodo migliore è quello che va da luglio a fine settembre.
LE PREVISIONI DEL TEMPO.  Di seguito troverete un box meteo con le previsioni del tempo riferite alla zona di Porto Cesareo su base settimanale, con fasce orarie,  aggiornate in tempo reale.  Potrete verificare con esattezza la situazione metereologica prevista nell’arco dell’intera giornata. Questo vi consentirà di organizzare la vostra giornata al mare con il tempo migliore.
SPIAGGE – CARATTERISTCHE. Sull’isola ci sono alcune spiagge. La più grande ha una forma a ferro di cavallo e guarda verso il mare aperto. È composto. Prevalentemente di sabbia. Ne è presente un’altra abbastanza grande, sabbiosa, riparata dal vento, che guarda verso la costa. 

 

COME RAGGIUNGERE L’ISOLA. Si trova molto vicino alla costa, praticamente a ridosso di San Cesareo (come si vede dall’immagine satellitare). Ci sono delle piccole imbarcazioni che effettuano un servizio di traghetto delle persone dalla costa. È a pagamento. Le corse sono molte ed in orari prefissati. In base alla stagione viene effettuata l‘ultima corsa verso la sera. Se la mancate, dovrete tornare a a nuoto o a piedi. L’isola infatti può essere raggiunta anche camminando. Bisogna però bagnarsi ben oltre la cintola. Altro problema è il fondale composto da alghe prevalentemente morte, in cui i piedi sprofondano. Il consiglio è è quello di usare le imbarcazioni, evitando di entrate nell’acqua. Comunque se siete “avventurosi” allora potete tentare la traversata a piedi. Evitatela però se non siete alti. L’acqua non è bassa. Inoltre sarete obbligati a portare la borsa per il mare ed altro sulla testa, per evitare di bagnare tutto. Una soluzione può essere un piccolo canotto in cui riporre tutto e trascinarlo verso l’isola. 
L’AFFOLLAMENTO. L’isola è molto conosciuta, ed essendo di fronte a Porto Cesareo, molto frequentata, soprattutto nei mesi centrali ed nei fine settimana della stagione estiva. 

 

IL VENTO. L’isola è battuta spesso dal vento. Può essere un vantaggio. Infatti il sole in Puglia può essere veramente molto forte durante la bella stagione estiva, soprattutto nelle ore centrali del giorno. Una buona ventilazione consente quindi di potersi godere anche quelle giornate in cui la temperatura esterna dell’aria può raggiungere e superare tranquillamente i 35 gradi. Fate però molta attenzione al fatto che, il vento, riduce la percezione di calore sulla pelle, e quindi potrebbe capitare che possiate prendere un’insolazione, o scottarvi, senza nemmeno rendermene conto.
L’OMBRELLONE. È assolutamente necessario portarlo con voi. In Puglia il sole non perdona, soprattutto durante i mesi estivi. Inoltre la zona è ventilata, per cui potreste non avvertire subito l’impatto dei raggi solari sull’epidermide. L’ombrellone può essere piantato nella sabbia, e lo spazio disponibile e abbastanza grande. Nel caso in cui vogliate però prendere il sole nella zona scogliosa, piantarlo sarà impossibile. E per non si trovano sassi o rocce per fare i cumuli per sostenerlo. Per cui potreste portare con voi una base di plastica da riempire con l’acqua di mare per sostenerlo. 
GLI OCCHIALI DA SOLE. Non dimenticate mai gli occhiali da sole. In queste zone, nel periodo estivo, e durante le belle giornate, la forza dei raggi solare può essere implacabile. I vostri occhi potrebbero essere sottoposti ad un forte stress, dovuto anche alla vento, che in pochi minuti li può asciugare. Per evitare problemi seguite questo consiglio. 
 
IL PARCHEGGIO. Sull’isola non è possibile arrivare con alcun tipo di veicolo. Non ci sono strade ne sentieri adatti, e nessun ponte dalla terraferma. I vostri mezzi devono essere lasciati nei parcheggi presenti a San Cesareo. Ci sono vari parcheggi, sia liberi che a pagamento. Durante la stagione estiva può diventare un impresa ardua, in quanto la cittadina è presa d’assalto dai turisti. Per cui le possibilità sono due: o arrivare presto al mattino per trovare parcheggio, o armarsi di pazienza e girare per trovare uno spazio.
NESSUN STABILIMENTO BALNEARE. L’Isola è selvaggia ed è una riserva naturale, per cui non troverete alcuna infrastruttura che somigli neanche lontanamente ad uno stabilimento balneare. Per cui se siete abituati a questo tipo di servizio, e a tutte le comodità ad esso connesse, allora questo posto non fa  per voi.
 
LA ZONA SCOGLIOSA DELL’ISOLA. Parte dell’isola e completamente scogliosa. Le rocce, basse al livello del mare, entrano direttamente nell’acqua. Il consiglio è di evitare di entrare da qui per fare il bagno, in quanto il fondale può essere pieno di rocce appuntite e taglienti. Per questa ragione preferite l’ingresso nell’acqua sempre dalle spiagge di sabbia. 
 
I BAMBINI. L’isola è adatta anche per bambini. Ci sono alcune spiagge grandi e una di queste ha l’acqua molto bassa. Buona parte della stessa è però composta da scogli, e per quelli più piccoli bisogna fare attenzione. 
 
I GIOCHI PER I BAMBINI. Le  spiagge consentono ai bambini di poter giocare anche con la sabbia. Potranno dedicarsi quindi alla costruzione dei castelli di sabbia, un passatempo molto amato, dato che e presente solo il mare e la natura incontaminata, senza altre distrazioni.
LE PERSONE ANZIANE. Non ci sono particolari problemi neanche per le persone anziane. Ovviamente bisogna sempre tenere bene in considerazione le condizioni personali di salute. Ricordate che non ci sono strutture e servizi, e nessuna forma di assistenza per i bagnanti. 
LE PERSONE DIVERSAMENTE ABILI. Per le persone diversamente abili andare sull’isola può presentare qualche difficoltà (ci si riferisce a quelle con problemi di deambulazione). Il servizio di traghetto è effettuato con imbarcazioni private, che in genere non sono attrezzate per il trasporto di carrozzelle. Il trasbordo può infatti presentare problemi. Come sempre però le cose possono cambiare, per cui conviene informarsi direttamente al porto per vedere se qualcuno offerte questo tipo di servizio. 
IL LETTINO. Per le persone più esigenti, che amano le comodità, può essere utile portare anche il lettino per prendere il sole. Le spiagge presenti sono comode. e la sabbia è soffice, ma se non amate sporcarvi, allora non potete farne a meno. Ovviamente devono essere leggeri, perché bisogna camminare per arrivare all’arenile. Non su tratta però di lunghe distanze. In alternativa va bene anche una sedia pieghevole o delle piccole sdraio. Altrimenti basta solo il telo da mare. Ricordate però che parte dell’isola è scogliosa, per cui se volete evitare la folla, e cercare un posto più appartato dovete fare i conti con gli scogli, per cui il lettino o un materassino diventano indispensabili. 
GLI SPORT ACQUATICI. Se amate gli sport acquatici (tipo banana boat o altro), dovete cambiare destinazione. Qui domina la natura, per cui non li troverete. Basterà scegliere un’altra spiaggia per trovare questi tipo di divertimento.
I SENTIERI.  l’isola non è grandissima, e può essere visitata quasi tutta a piedi. Potrete utilizzare i vari sentieri che si snodano sia nella parte scoperta della sua superfice, che all’interno della pineta. 
 
LE SCARPE. In genere andare al mare significa indossare un abbigliamento leggero e poco ingombrante. Le scarpe non fanno eccezione. Bisogna però ricordarsi da quest’isola deve essere un parte attraversata a piedi, ed inoltre buona parte è coperta da scogli. Per questo motivo se intendete visitarla, e fare una passeggiata sia nella pineta, che sulla parte meno frequentata dell’isola, composta da scoglie, il consiglio è quello di indossare delle scarpette da scoglio. Vi potranno essere utili non soltanto per camminare tra i sentieri dell’isola e sulla scogliera, ma anche per fare il bagno, in quanto in fondo nella spiaggia principale dell’isola stessa è composta da sassi e rocce, diversamente dalla spiaggia che invece è sabbiosa. Eviterete così di farvi male ai piedi.
NESSUN SERVIZIO DI SALVATAGGIO. Sull’isola non è presente alcun servizio di assistenza e salvataggio. Per cui se non sapete nuotate bene, e importante che non vi allontaniate dalla costa, e comunque non fate il bagno da soli.
NON FARE RUMORI. Questa isola è molto tranquilla, ed è adatta per chi vuole trascorrere una bella giornata al mare in completo relax. Non troverete quindi nessun divertimento tipico della spiagge affollate.  Se cercate la confusione, questo posto non fa per voi.
I CANI. Per gli amici a quattro zampe non ci sono problemi. Il posto non presenta particolari pericoli, e si possono portare a passeggiare intorno all’isola. Nei mesi estivi ci possono essere molte persone, per cui ricordate di portare sempre con voi la museruola e un guinzaglio adatto per poter legare in caso di necessità il vostro animale.
 
ACQUA PER I CANI. Sull’isola non ci sono fontane o fonti d’acqua dolce, per cui ricordatevi di portare da bere anche per il vostro amico a quattro zampe. Come sopra indicato, non essendoci bar o altro, nel cui l’abbiate dimenticata, la potrete comprare presso i barchini a motore che offrono un servizio di ristorazione periodico, approdando sulla spiaggia più grande dell’isola.
LA LAGUNA SALATA. Per coloro che amano le piante, di sicuro interesse è la laguna salata dove cresce un tipo di pianta, che pur non essendo un alga, è immersa nella acqua di mare. Quando la mare è bassa, queste piante sono ben visibili. Quando sale invece vengono letteralmente sommerse dall’acqua. Camminando sulla scogliera, le potrete vedere allineare nelle buche formate dalle rocce.

 

LA PINETA. La pineta copre parte della superficie dell’isola. Può essere tranquillamente visitata da tutti, senza correre pericoli. Offre un’ottima copertura dai raggi dal sole, grazie all’intreccio delle chiome delle piante. 

SPORT SULLA SPIAGGIA. L’isola non è adatta per fare sport sulla spiaggia. Le zone sabbiose non sono molto grandi, ed in genere sono, durante la bella stagione, tutte occupate. Dovete poi fare i conti con la presenza di ampie zone di scogli piatti, dove di può camminare, ma non giocare. Dimenticate quindi le partite a pallone o a pallavolo. Si può invece fare qualche scambio con i racchettoni. Anche nell’acqua non è possibile giocare, in quanto il fondale e composto prevalentemente di sassi e rocce. Sull’isola ci si va a godersi la natura e la tranquillità. Per il divertimento, è meglio scegliere altri arenili della zone. Ci sono infatti altre spiagge molto belle dove potrete giocare senza pericolo. 

 

LA TEMPERATURA DELL’ACQUA. In genere durante la bella stagione (da luglio a fine settembre) l’acqua del mare può essere molto calda. Ciò e dovuto soprattutto dal fondale basso che circonda l’isola, e alla sua vicinanza alla costa. 
NON ACCENDERE FUOCHI. Evitate di accendere fuochi di ogni genere. Questa isola è una riserva, per cui è severamente vietato. Inoltre ci sono molti alberi, e potrebbe essere molto pericoloso. 

 

LE PIANTE.  Sull’isola sono presenti le piante tipiche della macchia mediterranea. 

 

DOVE MANGIARE.  L’isola è una riserva, per cui non sono presenti strutture per la ristorazione. Non troverete quindi bar o ristoranti o chioschi. Potrete però comprare caffè, gelati dolci ed altro da alcune piccole imbarcazioni attrezzate come un chiosco bar, dove fare acquisti. Per questo motivo, portate con voi tutto quello che vi serve per pranzare o per fare la merenda. Portate anche con voi acqua o altre bevande. Non ci sono fontane sull’isola. Per le persone più esigenti esiste un’altra possibilità. Data la breve distanza che intercorre tra l’isola e la terraferma, ed il servizio di traghetti che può essere effettuato anche su chiamata, potete tornare a terra, a Porto Cesareo, e mangiare in uno dei ristoranti sul porto, o dentro la cittadina. La qualità e molto alta. 
 

IL TRAMONTO.  L’isola si trova sulla costa tirrenica del Mar Mediterraneo, quindi ad ovest. Se vi trattenete sull’isola fino a tardi (ricordate però bene gli orari di trasporto dei traghetti), potrete vedere il sole “scomparire dentro il mare. Questo suggestivo spettacolo si può osservare anche dalla banchina di Porto Cesareo. Il sole però (come si vede nell’immagine qui sopra) copre l’ultima parte del tramonto stesso, per cui non potrete assistere, da questa posizione, a questo evento. Comunque non resterete delusi. 

NON LASCIATE RIFIUTI. Questa raccomandazione per molti potrebbe sembrare inutile. Purtroppo però il mondo è pieno di “zozzoni”, che scambiano gli arenili per delle discariche a cielo aperto. Per cui ricordate bene di potare via con voi tutto quello che avete, spazzatura compresa.
 
Ai prossimi appunti di viaggio. 

ITALIA – PAGINA GENERALE – CLICCARE QUI

 

ITALIA – PUGLIA – PAGINA GENERALE – CLICCARE QUI

 

ITALIA – LE SPIAGGE – P.G. – CLICCARE QUI

 

========================================================

Per visionare gli altri appunti di viaggio dedicati ad un determinato argomento cliccare sulle categorie che interessano presenti sulla pagina. 

Per poterne visionare dai vostri smartphone, potete anche cliccare la “versione web” che si trova al termine del post. Vi apparirà come sul computer.

Potete cercare gli argomenti che vi interessano nell’apposito spazio “cerca”.  Basta utilizzare una parola desiderata “chiave”. Se esiste si aprirà il post corrispondente. Ad esempio se digitate “rifugio”, o “orrido” o “chiesa” o “miniera” ecc., verranno visualizzati tutti i post che contengono questa parola. 

Nella parte finale di ogni post è presente la voce “TRADUTTORE”. Per scegliere la lingua desiderata (come nel caso vogliate mostrare il post ad una persone straniera che non parla la vostra), cliccate sul menù a tendina, dove la troverete. In pochi secondi il sistema provvederà alla traduzione.

Conservate il link o la pagina di questo appunto di viaggio. Potrebbe tornarvi utile nel caso in cui decideste di visitare questo luogo. Potrete condividerlo anche con un amico.

Se siete interessati agli appunti di viaggio, inserite la vostra email nell’apposita finestra “iscriviti alla newsletter” che si trova nella pagina, e vi arriveranno le novità del blog ad ogni nuova pubblicazione. L’iscrizione è gratuita. Vi verrà solo richiesto di confermare il vostro indirizzo di posta, per essere sicuri che siate stati proprio voi ad iscrivervi.

Nel caso in cui non doveste trovare l’email di conferma nella posta, controllate nella cartella spam. Se il link con fosse attivo, basta copiarlo nel barra di ricerca del vostro browser per e dare invio e apparirà un messaggio di conferma di avvenuta attivazione.

 

 
 
ACQUARIO, ATTRAZIONE TURISTICA, CASCATA, CASCATA ITALIA, CASCATE ARTIFICIALI, CITTA' DI ROMA, EUROPA, ITALIA, REGIONE CENTRO ITALIA, REGIONE LAZIO

ITALIA – REGIONE LAZIO – CITTA’ DI ROMA: IL LAGHETTO DELL’EUR

DOVE SI TROVA. Il laghetto  si trova in prossimità del quartiere romano dell’Eur. Di seguito la mappa interattiva di GOOGLE MAPS che vi consentirà di raggiungere la vostra meta utilizzando il vostro dispositivo come un navigatore GPS ovunque vi troviate. Per calcolare il percorso cliccate sulla freccia blu sulla mappa. Ricordate che nell’angolo
sinistro in basso è presente la versione “Earth” della mappa. 

CARATTERISTICHE. Laghetto ha una forma rettangolare, con una serie di rientranze che ne evidenziano la struttura totalmente artificiale. Ha una superficie notevole di circa 160.000 metri quadrati. La lunghezza (del lato maggiore) è di circa un km.  Arrivando dal centro di Roma, si può notare alle spalle del laghetto una costruzione molto nota, ovvero il Palazzetto dello Sport” adesso denominato Palalottomatica, che lo sovrasta sopra una collina. È un opera terminata nel 1960, in occasione delle Olimpiadi di Roma (dello stesso) anno, ideata dal famoso architetto Nervi. E presente anche una grande piscina nella sue vicinanze denominata “delle Rose”.  Il progetto originale prevedeva la costruzione  del lago artificiale a partire dall’anno 1936, ma la sua realizzazione è stata sospesa, a causa dello scoppio della seconda guerra mondiale.  

LE PREVISIONI DEL TEMPO.  Di seguito troverete un box meteo con le previsioni del tempo riferite alla zona di Roma su base settimanale, Potrete verificare con esattezza la situazione metereologica prevista nell’arco dell’intera giornata. Questo vi consentirà di organizzare la vostra passeggiata con il tempo migliore

IL METEO

 

I SENTIERI.  IL laghetto e circondato da una serie di sentieri asfaltati (non sono presenti quelli in terra battuta). Si tratta di un materiale di colore rosso. Come si può osservare dalle immagini sono ampi e ben mantenuti. Il più grande è quello che circonda l’intero specchio d’acqua. Altri invece congiungono il laghetto alla strada.  

 

DOVE MANGIARE.  Se volete mangiare qualcosa, prendere un caffè o un gelato, troverete direttamente vicino al laghetto bar dove fare i vostri acquisti. Allontanandovi invece, in zona Eur anche dei ristoranti ed altri bar. 
 

 

LE CASCATE
 
 
LE CASCATE.  Una parte del laghetto da vedere e quella dedicata alle “cascate”, che si trovano ubicate nello spazio compreso tra lo specchio d’acqua e il palazzetto “Lottomatica”. Sono artificiali, e creano giochi d’acqua molto piacevoli. Per accedervi bisogna attraversare un cancello (uno in entrata ed uno in uscita). Vengono aperti e chiusi in orari definiti, come si vede nei cartelli nelle immagini.  In genere la sera sono chiuse, salvo aperture in occasioni particolari.  
I BAMBINI. Il luogo è molto adatto per i più piccoli. Le stradine sono ben tenute, i prati sono ampi con erba sempre tagliata. E’ presente anche un area gioco attrezzata. Possono usare tranquillamente le biciclette e i pattini a rotelle e gli overboard ed il monopattino, sempre con le dovute cautele. Anche se sono presenti le recinzioni, bisogna sempre fare attenzione che i bambini non si tuffino in acqua. 
APERTURA SERALE DEL LAGHETTO.  Gli spazi intorno al laghetto possono essere frequentati in tutti giorni dell’anno e anche di sera e di notte. Infatti non ci sono cancelli di accesso, come avviene invece per altri parchi e giardini della città di Roma 
 
LE SCALE.  Per raggiungere il lago dalla strada si possono utilizzare anche una serie di scale. Alcune di queste sono composte da ampi gradini, altre scale di grandi dimensioni, con molti gradini. Queste si possono trovare sia in prossimità del ponte, che alcuni punti del lago. Le più lunghe e ripide si trovano nella zona del lato vicino al palazzetto dello sport, oggi denominato Palalottomatica 
 
 
WEBCAM – CONTROLLO SITUAZIONE. Oltre alle previsioni meteo, per verificare l’effettive condizioni del tempo, potete sempre controllare in rete la presente di postazioni “webcam”, che in tempo reale, vi faranno capire se sia o meno il caso di recarsi a visitare il laghetto. Inoltre potrete capire  se ci siano troppe persone in un dato orario. Così eviterete di fare un viaggio a vuoto o di trovarvi intorno la “folla”
 

 

I PONTI
 
I PONTI. Il laghetto è attraversato da due ponti principali che consentono il passaggio delle autovetture e delle persone. Esiste un ponte pedonale che si trova sul lato opposto rispetto al grattacielo della ENI.
LA TEMPERATURA ESTERNA E’ chiaramente condizionata dalla stagione in cui decidete di vistare il laghetto.  Gli ampi spazi aperti e la presenza dell’acqua e della vegetazione sono però un vantaggio durante la stagione estiva, in quanto il caldo sembra essere più sopportabile. I Romani infatti in estate lo frequentano regolarmente proprio per queste sue caratteristiche. In inverno però può fare davvero freddo a causa delle sua posizione al di sotto del livello stradale e della presenza della collina dove si trova il Palazzetto dello Sport, che tendono a far ristagnare l’aria fredda (in caso di assenza di ventilazione).  

 

I PALAZZI
IL PARCHEGGIO. Per lasciare i vostri veicoli non troverete molte difficoltà. I posti sono i generi numerosi sia intorno al lago che tra le vie della zona abitata vicina allo stesso. Verificate bene la presenza di eventuali parcheggi a pagamento, in quanto l’amministrazione comunale può modificare queste zone. Pagate l’eventuale sosta, perché i controlli vengono effettuati con regolarità. Durante i fine settimana il lago e molto frequentato, soprattutto durante la bella stagione, per cui trovare posto potrebbe essere un problema  
LA VENTILAZIONE.  Come potete vedere dalle immagini, gli spazi che circondano il laghetto sono molto ampi e privi di ostacoli artificiali e naturali. Per questa ragione la zone è sempre ben ventilata. In estate questo può essere un vantaggio per ridurre la sofferenza dovuta al caldo. In inverno invece il freddo può essere pungente.  

 

I MOLI DI ATTRACCO
 
I MOLI PER LE IMBARCAZIONI. Camminando potrete notare la presenza di alcuni piccoli moli per l’attracco delle imbarcazioni. In genere non sono utilizzati, soprattutto nella parte che si trova sotto il grattacielo della ENI. 
 
LE ATTIVITA’ CULTURALI.  i grandi spazi offerti dai giardini del laghetto sono utilizzati, soprattutto in estate, per promuovere eventi culturali. Si va dal cinema al teatro all’aperto. I programmi sono facilmente rintracciabili in rete o sui principali quotidiani o riviste specializzate nel campo.
 
L’UMIDITA’ E LA NEBBIA. E’ noto che vicino agli specchi d’acqua di grandi dimensioni, naturali ed artificiali, si possa formare della nebbia, anche molto densa. Per quanto è dato sapere questo fenomeno non riguarda però questo laghetto, in quanto si trova in una zone in genere ben ventilata sia in estate che in inverno.  
 

 

LE IMBARCAZIONI
 
IL CANOTTAGGIO. Camminando intorno al lago, noterete la presenza, sullo specchio d’acqua, di canoe e kajak. Da quello che è dato sapere l’accesso non è consentito a tutti, ma è regolamentato rigidamente. Se così non fosse il lago sarebbe “invaso” da ogni sorta di natante. In alcune occasioni potrete anche vedere delle persone che, a bordo di queste canoe, giocano ad uno sport simile al calcio. 
NOLEGGIO BARCHE PER GITE SUL LAGO. Esiste la possibilità di poter noleggiare  imbarcazioni  a remi o pedalò per girare sul lago. Verificate di persona direttamente  sul posto, oppure controllate in rete per informazioni  
 

 

AREA GIOCHI
 
GLI UCCELLI. Camminando  intorno allo specchio  d’acqua potrete notare la presenza di numerosi  uccelli acquatici. Alcuni esemplari formano dei gruppi. Sono abituati alla presenza delle persone, per cui non fuggono, ma non dovete disturbarli. Piacciono soprattutto  ai bambini che ne sono attratti. 
 
LE PIANTE
 
LE PIANTE E LA FIORIUTURA DEI CILIEGI. Il laghetto è immerso nel verde. Troverete piante e prati curati in tutti i periodi dell’anno. Fermatevi ad osservare con attenzione le varie essenze presenti lungo il bordo del lago. Prestate particolare attenzione alle piante di ciliegio che si trovano sul lato dello specchio d’acqua vicino al alle cascate e alla collinetta su cui si affaccia il Palazzetto dello Sport. Nel mese di maggio potrete osservare la fioritura dei ciliegi. I cittadini romani e i turisti vengono appositamente ad osservare questo spettacolo. È stata anche dedicata una scultura per celebrare questo avvenimento annuale.  
  
I PRATI. Il laghetto è  circondato di prati ampi e ben curati. Si possono frequentare, prestando la dovuta attenzione a non danneggiarli. Verificate sempre la presenza di eventuali  divieti a poterci camminare sopra  o ad effettuare altri giochi. Il rischio è  quello di poter essere multati.
LE ATTIVITÀ SPORTIVE. I sentieri del laghetto sono utilizzati sia per fare delle belle passeggiate che per alcune attività sportive. Molti lo impiegano per fare jogging, per la camminata veloce, per il pattinaggio e la bicicletta. I sentieri curati e ampi e quasi tutti in pianura vanno bene per coloro che non vogliono faticare troppo e non amano camminare sui terreni polverosi. 
I PRATI
 
 
I CANI. Il posto nel suo complesso è adatto anche per gli amici a quattro zampe. Non ci sono pericoli di nessun tipo. Le aree verdi sono molte ed le stradine facilmente percorribili. Per tale ragione cani di tutte le taglie, compresi quelli piccoli ed anziani, potranno divertirsi in compagnia dei loro padroni e dei loro simili. Ricordatevi però che siete in città, per cui qui valgono le regole stabilite anche dalle ordinanze del comune di Roma. Potreste essere obbligati quindi se usare il guinzaglio o la museruola. Rammentate inoltre che ci sono molti bambini, per cui dare molta attenzione. La presenza dell’acqua potrebbe attirare i vostri animali, che potrebbero tentare di gettarsi nel laghetto, anche se la recinzione che circonda lo specchio d’acqua può essere superata solo da cani di taglia medio-grande.

 

LA STATUA
 
LA STATUA DEDICATA AI CILIEGI. Si tratta di una statua dedicata alle piante di ciliegio che si trovano intorno al laghetto. 
BAR – RISTORANTE
 

 

L’ACQUARIO
 

L’ACQUARIO.  Da molti anni le amministrazioni comunali che si sono succedute nel tempo hanno curato la realizzazione di un grande acquario (di cui Roma è sprovvista) che doveva già essere aperto proprio negli spazi del laghetto. Non è ancora dato sapere quando (e se) verrà inaugurato. Attualmente sono visibili solo l’ingresso e l’uscita della struttura, come si vede nelle immagini che seguono.  

 
GLI UCCELLI
 
GLI UCCELLI Camminando  intorno allo specchio  d’acqua potrete notare la presenza di numerosi  uccelli acquatici. Alcuni esemplari formano dei gruppi. Sono abituati alla presenza delle persone, per cui non fuggono, ma non dovete disturbarli. Piacciono soprattutto  ai bambini che ne sono attratti. 
LA METROPOLITANA
LA METROPOLITANA. Potere anche raggiungere il laghetto utilizzando la metropolitana di Roma, fermata “EUR”. E’ molto comoda perchè ben collegata anche dal centro di Roma (da cui effettivamente è distante). l’uscita affaccia direttamente sul laghetto stesso. 
SICUREZZA DI NOTTE.  Durante la sera tardi e la notte questa zona è poco frequentata, in quanto il quartiere dell’EUR durante questa fascia orario, vede la presenza di poche persone, in quanto prevalentemente adibito ad uffici. Pertanto, per motivi di sicurezza, evitare di camminare dsoli nelle ore tarde. Eviterete brutti incontri.  

NESSUN POSTO DI POLIZIA.Non ci sono posti di polizia di Stato o delle altre Forze dell’Ordine sul laghetto. Per cui se per ragioni di sicurezza dovete rivolgervi a loro, dovete utilizzare il telefono, oppure presto qualche ufficio aperto al pubblico i cui indirizzi potrete trovare anche in rete. Comunque questo posto è sempre controllato, per la sicurezza e la tranquillità di chi frequenta il laghetto. 

Ai prossimi appunti di viaggio.

 

ITALIA – PAGINA GENERALE – CLICCARE QUI

 

ITALIA – LAZIO – PAGINA GENERALE – CLICCARE QUI

 

========================================================

Per visionare gli altri appunti di viaggio dedicati ad un determinato argomento cliccare sulle categorie che interessano presenti sulla pagina. 


Per poterne visionare dai vostri smartphone, potete anche cliccare la “versione web” che si trova al termine del post. Vi apparirà come sul computer.

Potete cercare gli argomenti che vi interessano nell’apposito spazio “cerca”.  Basta utilizzare una parola desiderata “chiave”. Se esiste si aprirà il post corrispondente. Ad esempio se digitate “rifugio”, o “orrido” o “chiesa” o “miniera” ecc., verranno visualizzati tutti i post che contengono questa parola. 

Nella parte finale di ogni post è presente la voce “TRADUTTORE”. Per scegliere la lingua desiderata (come nel caso vogliate mostrare il post ad una persone straniera che non parla la vostra), cliccate sul menù a tendina, dove la troverete. In pochi secondi il sistema provvederà alla traduzione.

Conservate il link o la pagina di questo appunto di viaggio. Potrebbe tornarvi utile nel caso in cui decideste di visitare questo luogo. Potrete condividerlo anche con un amico.

Se siete interessati agli appunti di viaggio, inserite la vostra email nell’apposita
finestra “iscriviti alla newsletter” che si trova nella pagina, e vi arriveranno le novità del blog ad ogni nuova pubblicazione. L’iscrizione è gratuita. Vi verrà solo richiesto di confermare il vostro indirizzo di posta, per essere sicuri che siate stati proprio voi ad iscrivervi.

Nel caso in cui non doveste trovare l’email di conferma nella posta, controllate nella cartella spam. Se il link con fosse attivo, basta copiarlo nel barra di ricerca del vostro browser per e dare invio e apparirà un messaggio di conferma di avvenuta attivazione.