Senza categoria

FRANCIA – PARIGI – LA TORRE EIFFEL

Può sembrare banale scriverlo, ma di certo Parigi è una città che deve essere vista da chi ama i viaggi, e sopratutto le città uniche.
Anche se si proviene da un luogo storico come Roma, l’impatto con la capitale francese è veramente particolare.
Arriviamo in volo di mattina.
La giornata è bella, ed il sole illumina l’aeroporto di Orly, uno dei principali scali di Parigi.
Dall’aeroporto raggiungere la città è estremamente semplice, tramite un trenino. 
Le indicazioni sono molto chiare, ma se conoscete il francese o l’inglese, il personale presente è molto cortese e disponibile. 
Per il nostro soggiorno abbiamo scelto un albergo molto vicino alla piazza della Bastiglia dove si trova il nuovo teatro dell’Opera.  
La scelta non è stata casuale in quanto da quella posizione si raggiunge facilmente il centro ed il quartiere ha molti locali frequentati da giovani.
L’albergo è piccolo ma molto carino e pulito, per cui partiamo con piede giusto per “affrontare” la grande città.
Il pomeriggio lo abbiamo usato per pianificare i percorsi da seguire e le cose da vedere, lasciando ovviamente spazio all’improvvisazione, per non trasformare una vacanza in un “lavoro”.
 PARIS PASS
La città è veramente grande e ci sono tanti posti da vedere. Ovviamente i musei ed altre attrazioni sono a pagamento e vederle tutte può essere molto costoso. Un modo per risparmiare è acquistare la tessera “parispass”. Vi consente di utilizzare senza limitazioni la metro, di visitare quasi tutte le attrazioni e di utilizzare  gli open bus sia per visitarla come mezzo di trasposto di superficie. Come sempre più paghi e più hai. Ci sono vari prezzi a secondo della durata del soggiorno e delle cose che si vogliono vedere.
La nostra prima “tappa”
 LA TORRE EIFFELL

(cliccate sul questo link di Google maps, e raggiungerete la torre con il vostro navigatore integrato nello smartphone a piedi o con altri mezzi a due o quattro ruote)

la visita alla torre Eiffel e’ una delle tappe obbligatorie del turista, e ritengo che sia la prima da fare, per vedere subito la città da una posizione privilegiata. Merita veramente. Si tratta di una struttura metallica imponente. Ci si rende conto delle sue reali  dimensioni solo nel momento in cui ci si avvicina. Pur essendo alta più di 300 metri, la torre appare “leggera”, proprio per le sue modalità di costruzione.
Per poterla vedere è necessario acquistare il biglietto nelle apposite biglietterie presenti in ognuno dei quattro piloni che la sorreggono, e non costa poco.
Bisogna poi armarsi di pazienza e fare una lunga fila, ma l’attesa e’ bel ripagata.
Si sale usando gli ascensori originali presenti fin dalla sua costruzione.
Portano ai due piani di cui è composta.
E’ possibile usare anche le scale per salire. 
Ma bisogna essere dei veri atleti per affrontare una simile impresa!
LE SCALE
Se soffrite di claustrofobia di certo l’ ascensore non fa per voi  in genere è molto affollato e corre all’interno della struttura metallica del pilone. Se soffrite di vertigini la salita puo’ presentare qualche problema, in quanto è tutto “senza muri”. 
LA FERMATA AL PRIMO PIANO.
La prima sosta è  al primo piano, la zona più ampia della torre. Anche qui l’affollamento non scherza, ma comunque ci si muove con una certa facilità. Da qui si vede già  bene la città nella sua grandezza

PANORAMA DALLA TORRE EIFFEL
L’estensione della citta’ di Parigi si comprende bene solo dall’alto, e la Torre Eiffel e’ un punto d’osservazione straordinario.
 Il tempo era splendio, é la temperatura ottima!
Camminando sulla piattaforma si possono facilmeme identificare i vari punti importanti.
Mi raccomando,  girate tutto il piano nei suoi quattro lati, perché offre  visuali differenti. 

Se osservate bene questa immagine noterete un “monolite nero” che si staglia all’orizzonte. Si tratta del famoso grattacielo di Montparnasse.
Continuando nella salita, si arriva sulla sommita’. 

Particolare di uno dei piloni portanti dell’ultimo piano della Torre

Il vento nella parte piu’ alta si fa sentire con tutta la sua forza, ma il sole caldo e’ veramente piacevole.

In una stanza chiusa da vetrate si vede il manichino che raffigura il costruttore della Torre.

Tutti i piani della torre sono “chiusi” da reti di protezione per evitare che qualcuno possa cadere accidentalmente, o peggio, si lanci di sotto!

Qualcuno affronta la torre combinato in modo particolare, ma divertente!

Foto originali della torre subito dopo la sua costruzione

I SOUVENIR

Al primo piano della torre, il più grande, é presente un negozio di souvenir, un paradiso per chi vuole portarsi via un ricordo di Parigi “a tema”. 
La torre la si trova in tutte le forme e le salse. Tazze, pupazzetti, ecc. hanno tutte l’effige di questo capolavoro dell’ingegneria, ma il modellino in varie scale della torre é il più richiesta.

Una volta lasciata la Torre e’ ora di pranzo. 
Per mangiare e’ presente un bar dove si possono mangiare dei panine e prendere delle bevande. Bisogna fare una bella fila anche qui perché i turisti sono tanti e molto “affamati”.

La Torre di sera illuminata. 

Rispondi