ATTRAZIONE TURISTICA, CITTA' DI ROMA, ITALIA, PRESEPE

ITALIA – LAZIO – CITTA’ DI ROMA: IL PRESEPE DEI NETTURBINI

STORIA DEL PRESEPE. Il presepe nasce da un’idea di un dipendente dell’A.M.A., il Sig. Giuseppe Ianni nel lontano 1972. E’ stato realizzato in uno spazio in precedenza dedicato a magazzino attrezzi, con la collaborazione di alcuni colleghi del suo ideatore, nelle ore libere dal servizio. In circa tre mesi di lavoro, e con evidente grande sacrificio e soddisfazione, è stata realizzata la una miniatura fedele della natività di Betlemme.  Al momento dell’ingresso viene consegnato anche un cartoncino illustrativo che racconta anche le caratterisctiche tecniche per la sua realizzazione, ed altre interessanti notizie che meritano attenzione.
DOVE SI TROVA- GOOGLE MAPS. Per raggiungere il Presepe, potete utilizzare la mappa di google maps sotto riportata. Ciccate sulla freccia azzurra che si trava in altro a sinistra per calcolare la rotta, utilizzando i vostri dispistivi come navigatori gps, ovunque vi troviate, sia a piedi che con un veicolo.

PARCHEGGIO VEICOLI.  Il presepe si trova in una zona molto centrale di Roma, e vicinissimo a San Pietro. Per questo motivo parcheggiare soprattutto i veicoli a quattro ruote non è molto agevole, proprio a causa del grande afflusso di persone. I parcheggi in pratica non si trovano. Non si tratta però di una operazione impossibile, ma le difficoltà possono essere molte per trovare un posto libero. Se dovete comunque utilizzare l’autovettura per i vostri spostamenti, il consiglio può essere quello di cercarlo alla fine di Via Gregorio VII, o nelle traverse intorno. Ovviamente più vi allontanate da San Pietro è più facile sarà parcheggiare.  Ricordate inoltre che qui è previsto il parcheggio a pagamento orario, con il sistema a totem o app tramite smartphone. Quelli gratuiti sono molto pochi ed in genere sono sempre occupati. 

PARCHEGGIO VEICOLI A DUE RUOTE .  Per questo tipo di veicoli non ci sono  in genere problemi. Il consiglio è quello di parcheggiare nelle appositi spazi dedicati. Molti parcheggiano  sui marciapiedi   prossimi al Presepe, ma ricordate sempre che si tratta di una cosa non consentita dal Codice della Strada e punito con una sanzione amministrativa. 

BOX METEO.  Di seguito troverete le provisiono meteo per la città di Roma, per organizzare al meglio la vostra visita. l’aggiornamento è automatico. 

PARCHEGGI PRIVATI A  PAGAMENTO. Un soluzione al problema del parcheggio può essere quella di lasciarla presso uno parcheggi privati coperti custoditi a pagamento. Non è una soluzione economica, ma di certo non perderete a cercare un posto, e la vostra autovettura sarà protetta durante la vostra assenza,

INGRESSO STRADALE .
INGRESSO INTERNO.
CARTELLI ORARI INGRESSI.

 

 

ACCESSO PERSONE DIVERSAMENTE ABILI – PERSONE ANZIANE CON DIFFICOLTA DI DEAMBULAZIONE . L’accesso alle persone disabili ed anziani non presenta alcun tipo di problema. La sala del presepe e lo stesso  presepe si trovano all’altezza del livello stradale, per cui facilmente raggiungibile anche da coloro che si spostano in carrozzina o con ausili per la deambulazione. Una volta entrati gli spazi sono ampi e tutto è  ben visibile. Ricordate però che durante il periodo di Natale questo luogo è affollatissimo, per cui ci potrebbe essere qualche problema a muoversi agevolmente tra la “folla”.

SALA DEL PRESEPE .

 

ILLUMINAZIONE INTERNA. La sala del presepe è ampia e ben illuminata, sia dalla luce artificiale che da quella naturale. La grotta del presepe è anche essa illuminata, in modo tale da poter valorizzare le caratteristiche del grande presepe, con un sapiente gioco di luci e di ombre.  
LA CAPANNA DEL PRESEPE. La capanna di trova in posizione centrale rispetto alla sala che la ospita. Il presepe è ubicato all’interno di una grande costruzione, ed è visibile bene entrando al suo interno. Una volta dentro sarete di fatto “avvolti” da questo manufatto. Con le dovute cautele potrete avvicinarvi molto, ma evitate di toccare qualsiasi cosa. Come si dice “guardare ma non toccare”.
PERIODO MIGLIORE PER  VISTARE IL PRESEPE.  Il periodo natalizio è certamente quello più suggestivo per visitare il presepe, ma non il migliore. Bisogna infatti fare i conti con un vero e proprio assalto da parte dei turisti e dei curiosi. Il personale addetto infatti spiega che la fila è lunghissima, e la sala molto affollata. Per cui potreste aspettare il vostro turno a lungo e vedere poco. Se invece volete osservarlo con attenzione ed in santa pace, andateci dopo Natale. Troverete poche persone e il presepe sarà a vostra disposizione. Rammentate che è aperto tutti i giorni dell’anno. Anche in piena estate.

 

 

CARATTERISTICHE DEL PRESEPE.   Il presepe è veramente molto curato in tutte la sue parti. Nulla è lasciato al caso. Tutte le figure umane, animali e le costruzioni sono realizzate in modo molto eccellente,  e le foto lo testimoniano. 

 

 

 

 

BAMBINI. Il presepe è certamente adatto ai più piccoli, che in genere sono affascinati  da questo forma d’arte. In questo caso resteranno di certo molto colpiti, viste le dimensioni e le caratteristiche dello stesso. Andranno presi in braccio, altrimenti non lo potranno vedere, dato è stato realizzato su un piano rialzato.
QUADRI DELLA SALA

 

 

 

FOTO PERSONALITÀ
LE PIETRE. Una caratteristica del presepe è la presenza di una ricca collezione di pietre ed altri oggetti, incastonati sia sulla capanna stessa che sui muri della sala che ospita il presepe. L’ideatore infatti chiede a tutti coloro che visitano il presepe di far pervenire una pietra del posto in cui vivono per incastonarla. Chiunque può partecipare, sia che sia un’autorità in visita ufficiale, che un visitatore occasionale.
Ogni giorno cosi arrivano per posta o per corriere e per consegna diretta, molte pietre, conchiglie ed altr, che oltre ad essere molto belle, testimoniano l’affetto per questo presepe.
 
 
Troverete così pietre che arrivano dal monte Everest e dagli angoli più remoti del pianeta, per giungere alla “Pietra lunare” donata dalla NASA in occasione di una visita di un personaggio noto.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

LA STATUA DELLE MADONNA
Per visionare gli altri appunti di viaggio dedicati ad un determinato argomento cliccare sulle categorie che interessano presenti sulla pagina. 

 

Per poterne visionare dai vostri smartphone, potete anche cliccare la “versione web” che si trova al terminedel post. Vi apparirà come sul computer. 

Potete
cercare gli argomenti che vi interessano nell’apposito spazio “cerca”.  Basta utilizzare una parola desiderata “chiave”. Se esiste si aprirà il post corrispondente. Ad esempio se digitate “rifugio”, o “orrido” o “chiesa” o “miniera” “presepe” ecc., verranno visualizzati tutti i post che contengono questa parola. 
Nella partefinale di ogni post è presente la voce “TRADUTTORE”. Per scegliere la lingua desiderata (come nel caso vogliate mostrare il post ad una persone straniera che non parla la vostra), cliccate sul menù a tendina, dove la troverete. In pochi secondi il sistema provvederà alla traduzione. 
Conservate il link o la pagina di questo appunto di viaggio. Potrebbe tornarvi utile nel caso in cui decideste di visitare questo luogo. 
Se siete interessati agli appunti di viaggio, inserite la vostra email nell’apposita
finestra “iscriviti alla newsletter” che si trova nella pagina, e vi arriveranno le novità del blog ad ogni nuova pubblicazione. L’iscrizione è gratuita. Vi verrà solo richiesto di confermare il vostro indirizzo di posta, per essere sicuri che siate stati proprio voi ad iscrivervi. 
Nel caso in cui non doveste trovare l’email di conferma nella posta, controllate nella cartella spam. Se il link con fosse attivo, basta copiarlo nel barra di ricerca del vostro browser per e dare invio e apparirà un messaggio di conferma di avvenuta attivazione.
AI PROSSIMI APPUNTI DI VIAGGIO.  

 

 

Rispondi