Senza categoria

ITALIA – LAZIO – GENZANO: L’INFIORATA – A.D.V.

CALENDARIO MANIFESTAZIONE

L’infiorata e’ calendarizzata nel mese di giugno di ogni anno, il sabato e la domenica, i coincidenza della celebrazione del Corpus Domini, un “appuntamento” tra i più importanti per i fedeli cristiani

(Qui sotto le previsioni del tempo aggiornate a 7 giorni per Genzano di Roma)

UN PO’ DI STORIA

Come anticipato e’ una festa a carattere religioso. Viene effettuata in occasione della celebrazione del “Corpus Domini”. La tradizione si fa risalire al 18° secolo, ed ha origine a Roma (dove ebbe termine nel 17 ° secolo) e si è poi estesa ai Castelli Romani, per poi rimanere solo nella cittadina di Genzano, dove, tranne che per alcune interruzioni, è un appuntamento molto atteso.


DOVE SI TROVA – GOOGLE MAPS
(Per raggiungere Genzano di Roma utilizzate la mappa con il vostro smartphone come navigatore)

La processione si può ammirare in via Berardi, che collega la piazza principale del paese – piazza IV novembre e la piazza antistante la chiesa di Santa Maria della Cima, dove termina. La sua caratterestiche principale sono la lunghezza, e il fatto di essere in salita, che consente di poter osserva bene l’infiorata, anche senza dover necessariamente dover salire in alto per poter vedere i quadri.

20170618_120755

ARTISTI DI FAMA
la manifestazione è molto importante, e partecipano alla sua realizzazione ogni anno artisti di fama internazionale. I grandi quadri stesi sulla via principale sono accompagnati da cartelli esplicativi che raccontano il significato di un determinato quadro. L’infiorata ogni anno è dedicata ad un tema specifico.

LA TECNICA UTILIZZATA
L’infiorata è realizzata con petali di fiori di varie specie e colori coltivati in serra. Il disegno viene preparato sul fondo stradale sul quale vengono appoggiati i petali, che vengono costantemente spruzzati di acqua per evitare che si rovinino e che possano essere portati via dal vento.


LA CONCLUSIONE

L’infiorata si conclude nel pomeriggio di domenica per con la celebrazione della processione del “Corpus Domini”, che da piazza IV novembre giunge fino alla chiesa di Santa Maria della Cima. La processione segna inoltre la “distruzione” dei quadri di fiori, visto che la processioni dei fedeli cammina sui petali. I bambini poi si divertono molto a correre su quello che resta del manto di fiori.

IL MERCATINO DEI FIORI

Una delle piacevoli sorprese della infiorata, e quello del “mercatino dei fiori”. Non si tratta in realtà di un vero mercato, ma di una serie di banchi dove vengono vendute piante di tutti i generi, da quelle verdi ai fiori, a quelle commestibili (zucchine, melanzane ecc), e di quelle grasse, che si possono acquistare per pochi euro o anche a prezzi molto alti, per esemplari di pregio.

LE BANCARELLE

Oltre alla vendita dei fiori, potrete trovare anche numerose bancarelle dove troverete oggetti di ogni genere, che non hanno però attinenza specifica con il tema della manifestazione. Alcune cose sono francamente da evitare, altre invece piacevoli, come la vendita di oggetti di artigianato.

IL PALAZZO SFORZA – CESARINI

20170618_141511

Una visita che si consiglia di fare, è quella al Palazzo Cesarini – Sforza. Si trova nella parte più alta della città. Per la visita si paga un biglietto d’ingresso, che comprende anche l’accompagnamento da parte di una guida. La durata del giro per i vari ambienti è di circa 50 minuti. Raggiunta parte più alta del palazzo, si sale su una terrazza dalla quale si può possono osservare due differenti panorami. Da una parte la città di Genzano e dall’altra il lago di Nemi. Nelle giornate con il cielo limpido si può vedere il lontananza il promontorio del Circeo, e se la giornata è veramente bella, anche l’isola di Ponza.

(Per raggiungere il palazzo utilizzate al mappa qui sotto con il vostro smartphone come navigatore gps)


La struttura è sede anche di mostre durante tutto l’arco dell’anno, sia di pittura che di scultura.


PARTICOLARI DEI SOFFITTI DEL PALAZZO

VISTA SUL LAGO DI NEMI

IL PARCO OTTOCENTESCO DEGLI SFORZA – CESARINI

20170618_134259
PARCO SFORZA – CESARINI – INGRESSO GIARDINO OTTOCENTESCO

Un altro appuntamento da non mancare durante la vostra visita all’infiorata, è quello al “Parco Sforza – Cesarini”. Si trova nelle immediate vicinanze del Palazzo Cesarini sforza, sul quale praticamente una parte del palazzo stesso si affaccia. Il parco, è molto grande, ed è molto curato. All’interno troverete molte varietà di fiori, piante, ed alberi, ed un piccolo specchio d’acqua. La sua particolarità, è quella di affacciarsi sul lago di Nemi, verso il quale digrada rapidamente. Infatti, durante la passeggiata, troverete un una serie di viali, che scendono verso le sponde del lago. Percorrendoli, arriverete in prossimità del Lago stesso. L’unica nota dolente, è che l’ingresso è a pagamento, Anche se si tratta di una piccola spesa che vale la pena di sostenere virgola e che è utilizzata anche per mantenere il parco in buone condizioni di fruibilità per i visitatori. Inoltre, proprio perché associato al palazzo Cesare Sforza, è possibile anche pagare un biglietto cumulativo, che vi consentirà di visitare, risparmiando qualche euro, sia il parco stesso che il palazzo.

I SENTIERI DEL PARCO


IL LAGHETTO DEL PARCO

20170618_134533

LE PIANTE ED I FIORNI DEL PARCO

DOVE MANGIARE

Per mangiare non ci sono problemi. Le soluzioni possono essere le seguenti.

RISTORANTE:sono numerosi e sparsi per la città, ma il consiglio è quello di prenotare per tempo, per evitare di non trovare posto. Si tratta di giornate particolari con grande folla, per cui pensare di entrare in un ristorante come se fosse un giorno qualsiasi o un normale fine settimana, sarebbe fuori luogo.

ROSTICCERIA E PIZZA AL TAGLIO. Questa soluzione ha due vantaggi: è economica e veloce. Non spendere te una troppo per mangiare e non passerete ore seduti ad un tavolo.

BAR e PASTICCERIE. È un’altra soluzione veloce ed economica. Li troverete anche nelle zone meno centrali di Genzano. I dolci sono molto buoni, come i gelati.

I BAMBINI

La passeggiata e la visita della infiorata di Genzano è certamente adatta a tutti, e particolarmente per i bambini che si divertiranno a vedere tutti questi quadri colorati fatti con i fiori . È necessario però fare una raccomandazione importante . E’molto frequentata, per cui, bisogna stare molto attenti che non vi spariscono la sotto i occhi . Potreste avere delle difficoltà a trovarli rapidamente . Un’altra raccomandazione è quella di prendere in braccio e più piccoli per poter consentire loro di vedere oltre le transenne che circondano i quadri stessi, posizionate per impedire che le persone ci possano camminare sopra , distruggendo tutto, prima della processione del Corpus Domini.

I CANI

La visita alle giornata di Genzano , e aperta a tutti e da viene principalmente il strada , ovvero in spazio aperti al pubblico . Per cui non vi sono limiti specifici per i cani , che hanno in genere libero accesso con i proprietari a tutti i veicoli le strade della cittadina . Bisogno però ricordarsi , che la visita è molto detto nata , per cui portarsi il cane con sé , potrebbe presentare non posso problemi non punto di vista logistico . Bisogna infatti pensare , soprattutto nelle parti nelle parti dove sono presenti quale è fiori , era fondamento di persone può essere molto alto , per cui potrebbe essere molto difficoltoso camminare con i cani e grossa taglia . Se invece dovesse avere cani di piccola taglia, allora a soluzione potrebbe essere quella di portargli con voi in braccio le vostre dove più affollamento.

IL PANE DI GENZANO

Per color che non lo hanno mai mangiato, si consiglia di assaggiare il famoso “pane di Genzano” un prodotto IGP. Fatevi preparare un buon panino oppure quando siete al ristorante. Portate via con voi un forma da consumare dopo. Non dimenticatelo. Sarebbe un peccato.

Cliccando sul link sottostante altre appunti di viaggio nella regione Lazio ed in Italia

ITALIA – LAZIO – PAGINA GENERALE

ITALIA – PAGINA GENERALE

Rispondi