FORTEZZA MILITARE, ITALIA, REGIONE NORD ITALIA, REGIONE TRENTINO ALTO ADIGE, VALSUGNA

ITALIA – TRENTINO ALTO ADIGE – LEVICO TERME: IL FORTE DELLE BENNE

DOVE SI TROVA. Il forte si trova in Italia, nella regione del Trentino Alto-Adige, e per l’esattezza nel comune di Levico Terme, nota stazione turistica della Valsugana nella provincia di TRENTO, a circa di 600 mt sul livello del mare. E’ ubicato nella località di Colle della Benna.

20160719_182147
La strada che porta al forte delle Benne

GOOGLE MAPS. Di seguito la mappa interattiva che vi consentirà di raggiungere il forte utilizzando i vostri dispositivi come navigatore gps. Cliccare sulla freccia azzurra nell’angolo sinistro in alto.

L’ingresso principale del Forte

UN PO’ DI STORIA. Il forte faceva parte di un complesso di fortificazioni del periodo austro ungarico, lungo il confine con l’Italia. Tra gli inizi del 1900 e l’inizio della Prima Guerra Mondiale fu oggetto di alcuni ampliamenti.

IL METEO. Di seguito il box meteo che vi consentirà di programmare la vostra passeggiata al forte con il tempo migliore in base anche all’orario delle giornate e del giorno della settimana.

Dopo la fine della Grande Guerra (1915-18), il forte venne dismesso, e venduto dal Demanio dello Stato al Comune di Levico. Cadde in totale abbandono fino al 2010, quando fu oggetto di importanti lavori di ristrutturazione, che lo hanno riportato ad assumere l’aspetto di un tempo.

Il tetto del forte restaurato

COME ARRIVARE. È possibile raggiungere il forte sia in auto che a piedi, ed in alternativa anche in bicicletta.

A PIEDI. Si tratta di una bella passeggiata di circa 30/40 minuti partendo da Levico terme.

IN BICLETTA. La strada è sterrata, con un fondo in buone condizioni, ma all’andata è tutta in salita, per cui se non siete allenati, è meglio utilizzare un mountain bike elettrica, che ridurrà molto la fatica della ascesa.

CARATTERISTICHE DELLA STRUTTURA. L’aspetto è massiccio, in quando la sua struttura è corazzata, ed è a pianta poligonale. E’ costruito con blocchi di pietra (granito e porfido). In passato Aveva un armamento composto da cannoni e obici, chiusi in ambianti corazzati. Era presente anche un sistema di trincee per il movimento dei soldati.

Il forte era di fatto autosufficiente. Era infatti dotato di comunicazione telefonica, e in caso di necessità di un sistema di comunicazione ottiche, nel caso quelli telefoniche fossero interrotte. Aveva anche un generatore elettrico e di cisterne per la raccolta dell’acqua piovana, e una “Santa Barbara” dove erano custodite le munizioni.

BIGLIETTO. Per l’ingresso si paga un biglietto, in quanto la visita non è gratuita, se non in particolari periodi dell’anno.

APERTURE. Il Forte non è sempre aperto, considerato che si trova in una zona relativamente isolata ed in una regione dove in inverno può fare molto freddo e nevicare abbondantemente. È consigliato visitarlo durante la bella stagione, quando si può godere della magnifica natura che lo circonda, e dei laghi di Levico e di Caldonazzo.

STATO DI CONSERVAZIONE. Come anticipato nel 2010 è stato oggetto di un opera di valorizzazione e restauro. Una volta entrati vi accorgerete che nulla è lasciati al caso, e che la struttura sembra essere nuova. Tutti gli ambienti sono facilmente agibili, ben illuminati e ventilati.

LE SALE. Per illustrare la storia del forte, sono presenti delle sale con pannelli esplicativi. E’ molto interessante leggerli per comprendere bene la storia del forte e di coloro vi sono passati.

20160719_172903
Le latrine dentro il forte

LA CANTINA. Il forte è anche utilizzato come cantina per la coservazione del vino, grazie alla sua temperatura ed umidità costanti.

Una serie di bottiglie di vino

Per ulteriori informazioni, di seguito l’indirizzo ed il recapito telefonico della Azienda per il Turismo della Valsugana

Info: Azienda per il turismo della Valsugana Ufficio Turistico di Levico Terme tel. 0461 727700

Di seguito i pannelli illustrativi della storia della struttura.

Di seguito il link per altri appunti di viaggio sull’Italia. Cliccate sul link di colore azzurro.

ITALIA – PAGINA GENERALE

Ai prossimi appunti di viaggio.

Rispondi